Redazione

Massimo Giletti: “Domenica In? Non parlo per rispetto di Cristina Parodi”

Massimo Giletti: “Domenica In? Non parlo per rispetto di Cristina Parodi”

Massimo Giletti: “emozionato per il debutto su la 7. Flop di Domenica In? Non commento per rispetto verso Cristina Parodi, non sono felice di vedere una rai che soccombe. Qualcuno dovrebbe dare spiegazioni. Scandalo sessuale a Hollywood? Le vittime restano vittime, si deve stare vicino alle donne”, dice a Radio Cusano Campus

 Massimo Giletti è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

A breve il suo esordio su La 7: “L’otto novembre debutto su La 7. L’emozione c’è, questa volta ancora di più. Un mercoledì diverso, andare di sera il mercoledì su La 7 sarà una sfida nuova. Sarò molto emozionato, dopo 27 anni di Rai, per fortuna non sono arido come altri. Il format? Non è detto che si ‘Chiami buoni o cattivi’, probabilmente la parola Arena ci sarà dentro. Ancora non so come si chiamerà il format, ci sono diverse fughe di notizie in questo senso ma nulla è deciso”.

Sul flop di Domenica In con le sorelle Parodi: “Io ho fatto una scelta, non commentare per una questione di educazione e anche di rispetto verso Cristina Parodi, con cui ho un grande rapporto. Non è a me che si deve chiedere come mai c’è questo tracollo di risultati, in tanti programmi Rai, visto che non è solo Domenica In che non funziona. Non chiedetemi cosa penso, non sono io che devo rispondere ai 4 milioni di persone che seguivano l’Arena, è un altro che deve rispondere e dire perché si è scelto di non fare più informazione di fare qualcosa d’altro. Quel periodo per me non c’è più, anche se sono triste, non ho gioito per i risultati non positivi. Per uno come me che è stato in Rai trent’anni non è mai bello vedere che la Rai soccombe”.

 Su Fazio: “E’ uno dei più grandi professionisti della televisione italiana, non sta a me giudicare chi ha fatto Sanremo e altre decine di programmi vincenti. Le analisi sono tutti capaci a farle, ma fare la televisione è diverso. Fazio da un punto di vista professionale lo stimo molto”.

Sul prossimo Festival di Sanremo: “Baglioni direttore artistico è un’ipotesi molto interessante e anche strana. Sanremo è sempre una macchina molto complessa, so quanto sia difficile creare Sanremo, so quanta fatica ci sia dietro. Coinvolgere un non conduttore è sempre un punto interrogativo, ma le qualità di Baglioni sono evidenti, parliamo di una star, la Rai sicuramente investirà molto per tenerlo bene”.

Sul passaggio da Rai a La 7: “Io la macchina non ce l’ho ancora, stiamo lavorando per chiudere lo studio in tempo utile, sono come un pilota che naviga ma ancora a livello virtuale. Avremo uno studio molto bello, avremo una grande scenografia, stiamo lavorando sui contenuti, faremo tante inchieste, privilegi, sprechi, purtroppo in questo senso la realtà italiana supera la fantasia. Ho un gruppo di ragazzi che lavora con me da molti anni e che mi ha seguito in questa vicenda faticosa. Quando finisce un rapporto di 27 anni sei dentro a una tempesta, quando io dissi ai miei ragazzi che non potevamo più stare in Rai per una questione di dignità nessuno mi ha detto che non mi avrebbe seguito, è stato molto emozionante. Io sono un professionista maniacale, poi posso sbagliare, ma non lascio nulla al caso”.

Sullo scandalo sessuale che ha travolto Hollywood: “Chi abusa di una donna in ogni modo, anche offrendole un posto di lavoro, violando le debolezze di alcune persone, è abovimenevole. Punto. Dobbiamo partire da qui. Troppe donne ogni giorno in ogni tipo di lavoro si vedono fare certe richieste. Le vittime restano vittime. Bisogna stare vicini alle donne, con i fatti. Poi si può analizzare la singola questione, ma gli atteggiamenti duri non mi piacciono verso chi ha subito una violenza. Perché quelle sono violenze”.
Sul momento politico attuale: “A sinistra potrebbero riaprirsi dei file che sembravano chiudersi. Il segnale di autonomia che c’è in tutta Europa ha preso corpo anche in Italia in modo concreto. E’ un momento di stallo, ma la legge elettorale che è stata fatta non potrà che portare ad accordi”.

Su Berlusconi: “Tanto tempo fa dissi a Renzi che sbagliavano a considerarlo fuori dai giochi. Berlusconi è sempre lì, ancora oggi a distanza di tanti anni da quel momento vediamo che Berlusconi è vivo più che mai”.
Sui referendum: “Lombardia e Veneto? Basta andare al Nord e si sentono determinate situazioni, non vederle è un errore. Bisogna prendere atto che qualcosa è da modificare”.