Rita Caridi

Corpo di donna come prosciutto per una pubblicità

Corpo di donna come prosciutto per una pubblicità

131258445-501f1386-ceb4-4df0-a2d6-2753ebe96079Sta facendo discutere a Capri un cartellone pubblicitario di un’azienda produttrice di prosciutti crudi all’interno del porto turistico. Sul manifesto è stampata la foto di un corpo di donna nudo dal quale fuoriescono fette di prosciutto. La consigliera comunale di Capri Anita De Pascale in una lettera al sindaco Ciro Lembo e al presidente del Porto Turistico Emilio Ruotolo, chiede la rimozione del manifesto in quanto “lesivo della dignità femminile e assolutamente inopportuno in un momento in cui le donne, sia che facciano parte di movimenti o che siano semplici cittadine, a fatica, stanno lottando per il rispetto della loro persona e combattendo l’uso del corpo della donna a scopo di lucro e pubblicitario da parte dei mass media”.Sul fondo della pubblicità, inoltre, spicca la dicitura “In the best restaurants of Capri“. “Ho contattato alcuni ristoratori – scrive ancora De Pascale – i quali non erano a conoscenza di questa pubblicità, e presumo che nessuno ne sia a conoscenza. Pertanto, a loro insaputa, si trovano ad essere complici della mente irriverente che la ha realizzata, mettendo sullo stesso piano una parte del corpo femminile e le fette di prosciutto“.