Manuela Di Vietri

Apre il trentesimo Salone del Libro di Torino: un viaggio oltre il confine dal 18 al 22 maggio

  • © Filippo Alfero

    © Filippo Alfero

  • Ph Michele D'Ottavio

    Ph Michele D'Ottavio

  • Ph Michele D'Ottavio

    Ph Michele D'Ottavio

  • © Nicolò Campo

    © Nicolò Campo

  • © Nicolò Campo

    © Nicolò Campo

  • © Filippo Alfero

    © Filippo Alfero

/

Cinque giorni imperdibili quelli che promette Torino dal 18 al 22 maggio 2017 con l’edizione numero trenta del suo Salone Internazionale del Libro, che per celebrare il prestigioso traguardo “anagrafico”, scavalca il perimetro della tradizionale e sempre vasta offerta per sconfinare in una programmazione culturale a tutto tondo che caratterizzerà l’intera città

Ispirato al tema conduttore “Oltre il confine” – il titolo di quest’anno magistralmente illustrato da Gipi nell’immagine guida della manifestazione – il programma intessuto per l’edizione 2017 dal direttore Nicola Lagioia con i quattordici consulenti del Salone e lo staff della Fondazione per il Libro, si apre verso nuove dimensioni sia in termini di contenuti, sia dal punto di vista degli spazi fisici e degli orari, caratterizzando in tal senso la consueta passerella di grandi autori e protagonisti della scena culturale italiana e internazionale.

All’interno dei 45 mila metri quadri di superficie espositiva dei padiglioni del Lingotto Fiere sono circa 11 mila i metri quadri commerciali (il 10% in più dello scorso anno) occupati da 452 titolari di stand (nel 2016 erano 338), a cui si sommano i 9 stand dei progetti speciali. Complessivamente il trentesimo Salone del Libro propone poco meno di 1.200 case editrici, dando vita a un programma che conta 1.379 appuntamenti disseminati nelle 30 sale a disposizione dei visitatori, che vanno dai 600 posti della più grande, la Sala Gialla, ai 20 dei laboratori didattici.

Questo slideshow richiede JavaScript.