Manuela Di Vietri

La frutta e le sue proprietà, ecco quella ideale per le vacanze

In spiaggia con albicocca, anguria e pesca: pelle protetta e abbronzata, stop alla sete e pieno di energia

Per una passeggiata in montagna, invece, non dovrebbero mai mancare prugna, mirtilli e melone. Sono i consigli del nutrizionista e tecnologo Giorgio Donegani, esperto di Fruit24, il progetto promosso da Apo Conerpo e co-finanziato dall’Unione Europea e dal ministero delle Politiche Agricole per promuovere il consumo di frutta e verdura sulle tavole degli italiani.

L’albicocca è una vera miniera quanto a contenuto di betacarotene. “Si tratta di un antiossidante – spiega Donegani – un precursore della vitamina A. L’organismo umano è capace di trasformare il betacarotene in vitamina A secondo i propri bisogni, senza alcun rischio di accumulo. Il betacarotene, inoltre, può agire direttamente come antiossidante, stimolando la produzione della melanina”. Ciò significa abbronzatura più facile e migliore resistenza della pelle allo stress dei raggi solari.

L’anguria contiene più acqua dell’aranciata: addirittura il 95%. Una vera e propria bevanda ‘solida’, utilissima per mantenere il giusto grado d’idratazione anche sotto il sole. “Nonostante il sapore dolce – aggiunge il nutrizionista – l’anguria contiene una piccola quantità di zuccheri (nemmeno 4 grammi per un etto di frutta) ed è poco calorica. E’ ricca, inoltre, di un’elevata quantità di citrullina, un aminoacido che, al di là del suo nome, è utile per la divisione cellulare, la cicatrizzazione delle ferite e lo smaltimento dell’ammonio dal corpo”.

La pesca si segnala anch’essa per l’alto contenuto di acqua che ne fa uno dei frutti più rinfrescanti. La sua leggera acidità le conferisce, inoltre, proprietà stimolanti delle secrezioni gastriche, rendendola utile per favorire la digestione. Non mancano vitamine e sali minerali.

La prugna ha un profilo che la identifica come un frutto tonificante, perfetto per un pieno di energia in montagna ed è anche depurativo, utile per eliminare le scorie prodotte dall’attività fisica. “La prugna – prosegue Donegani – contiene una buona quantità di zuccheri, vanta una discreta presenza di fibra, molta acqua e praticamente è senza grassi. In più vanta due virtù di salute particolari: l’alta quantità di pigmenti antiossidanti (nelle prugne rosse) e la capacità di fungere come buon lassativo, regolatore delle funzioni intestinali”.

I mirtilli che si possono raccogliere anche allo stato selvatico, direttamente nel bosco, sono ricchi di vitamina C e devono il loro colore scuro alla presenza di antociani (il più noto è quello che si chiama mirtillina). “Si tratta di pigmenti – chiarisce – che svolgono un’azione molto positiva sul nostro organismo, migliorando la sensibilità della retina e sono d’aiuto nella cura dei disturbi circolatori come vene varicose, fragilità capillare, emorroidi”.

Il melone, ricco di potassio (ne ha più della banana), è un ottimo remineralizzante e tonico muscolare. Inoltre, precisa Donegani, “contiene molta vitamina A, un’ottima quota di vitamina C e quantità significative di vitamine del gruppo B, perfette per ottimizzare la produzione di energia. In più fornisce adenosina, un composto che aiuta a mantenere fluido il sangue e rende il melone perfetto anche per i nonni”.

AdnKronos