Rosanna Imperio

Il 2017 è l’anno della bridal jumpsuit!

/

Una grande rivoluzione: unconventional, comoda, sbarazzina ma allo stesso tempo elegante

bridal jumpsuit1Il tempo passa, la moda si evolve e la donna sente sempre più il bisogno di vestirsi comoda anche nel giorno del proprio matrimonio. Il 2017 è l’anno della bridal jumpsuit. Cominciamo a vederla spopolare sulle passerelle già dal 2013. Una grande rivoluzione nella storia della moda moderna,ma ovviamente non è del tutto una novità: la moda di sposarsi in pantaloni fa riferimento agli anni ’60 – ’70. «Il pantalone è ormai introdotto anche nelle collezioni di abiti di sposa italiani perché è una scelta che sta aumentando nelle donne moderne», ha dichiarato Alessandra Rinaudo, stilista piemontese del gruppo Nicole Fashion Group, la “ Stilista delle spose” del noto programma di Real Time.

Certamente non facile da indossare. A chi è davvero adatta?

Perfetta per valorizzare una fisicità asciutta e slanciata. Per un fisico formoso l’importanza ricade in un’attenta selezione: tessuti leggeri, modelli scivolati, linee morbide. Se l’ idea vi incuriosisce  ma non volete osare troppo la scelta potrebbe ricadere sul 2 in 1: con gonna sganciabile, magari dopo il rito religioso, o al taglio della torta. Potete optare per tessuti semplici con applicazioni di perle o piume, o tessuti più romantici come pizzo e tulle. Ci si può sbizzarrire con cappelli, coroncine ma anche un coordinato velo.

Una delle ultime spose che ha fatto parlare di sè e del suo matrimonio in tuta è la sorella della cantante Beyoncé, Solange Knowles, nel Novembre del 2014.

Tre modelli scelti per tre momenti diversi, firmati dallo stilista Stèphane Rolland. Per la cena pre-nuziale una tuta della Haute Couture Spring 2014 ad una sola gamba con mantella; il giorno delle nozze, quando ha raggiunto in bicicletta la Holy Trinity Church, Solange ha scelto una tuta couture della collezione S. R. Fall 2012: in jersey di lana e crepe di seta, con mantella e ampia scollatura sul dietro; infine, per il party dopo le nozze, la sposa indossava una tuta della S.R. Spring 2014 Haute Couture: leggera e fluttuante, con apertura sulla scollatura e doppia mantella. In Italia, ricordiamo la tuta da sposa di Alberta Ferretti creata per la show girl Elena Santarelli in occasione delle sue nozze nel 2014 ed indossata per il taglio della torta: una micro tuta in pizzo con profondo scolla a V, con una gonna corta e vaporosa in tulle sovrapposta.

E oggi cosa ci propongono i rinomati atelier?

Mia Couture, esperienza trentennale e pregia del Made in Italy, propone un’esclusiva collezione bridal dal mood brioso e giovanile. I due stilisti Viktor & Rolf colpiscono con il loro stile eclettico e all’avanguardia,ideale per una sposa elegante e di tendenza. Anche Max Mara valorizza  una femminilità moderna puntando su un’estetica unconventional senza rinunciare al romanticismo e a note glamour: spiccano diverse jumpsuit sobrie e femminili.