Rosanna Imperio

Caban: dal classico al moderno unisex

Un capo di successo per tutti, anche nella stagione calda, 24 ore su 24!

caban4Il caban ,comunemente chiamato “pea coat” o “pea jacket”, è un cappotto sportivo dalla linea ampia, spesso realizzato in panno. La sua storia è olandese, con origini legate al campo militare. Il termine “caban” proviene dal siciliano “cabbanu” ispirato all’arabo “qaba” ovvero tunica, cappotto. Ha un taglio corto, originariamente utile a lasciare libere le gambe per favorire il movimento, chiusura a doppiopetto, collo con ampi baveri, tasche anteriori verticali.

caban5Al suo successo hanno contribuito le stelle del cinema e, senza eguali,  Yves Saint Laurant che lo propose per primo al gentil sesso. Oggi è un capo unisex, ne troviamo anche versioni estive in misto cotone, sempre rivisitato per renderlo ancora più attuale, dai colori principali blu o nero, alle diverse fantasie, dai fiori alle righe, anche in tartan.

caban3E’ facilmente abbinabile sia con abiti aderenti che di linea più ampia, classico con abbottonatura doppiopetto su vestiti, morbido e oversize per mise casual. Perfetto 24 ore su 24, è un capo versatile da poter indossare con sneakers oppure con open toe gioiello. Per un look chic la collezione Primavera/Estate 2017 Fay lo propone con un dettaglio principale: la cintura. Caban in pelle percorsi da maxi zip, invece, per lo stile moderno e minimalista di Calvin Klein e tecnici per lo stile Byblos ispirato all’aria.