Manuela Di Vietri

Parigi: sfila la collezione Dior per la primavera estate 2018 [GALLERY]

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

  • AbacaPress/LaPresse

    AbacaPress/LaPresse

/

Sono look versatili, femminili, estremamente sensuali quelli proposti nella passerella parigina per la collezione Dior

Se la vita è un gioco di carte. Siamo nati senza conoscere le regole. Eppure dobbiamo giocare la nostra mano. Nel corso degli anni la gente ha amato giocare con i tarocchi. Poeti filosofi alchimisti artisti si sono dedicati alla scoperta del loro significato“, diceva così l’artista francese da sempre sensibile al femminismo, scomparsa 15 anni fa, Niki de Saint Phalle, ed è proprio alle sue sculture che si è ispirata la gigantesca struttura allestita nel giardino del Museo Rodin, a Parigi, location in cui si è svolta la sfilata della collezione per la primavera estate 2018 realizzata da Maria Grazia Chiuri.

Per il giorno le proposte spaziano da uno stile più casual con jeans chiaro e maglietta a righe, berretto con visiera e ballerine a punta per arrivare a giacche doppiopetto, giacconi oversize, tailleur pantaloni, giacche di pelle multicolor da indossare con gonne in tulle trasparenti. Le proposte per la sera, vedono invece sfilare abiti in lamé o ricoperti da paillettes, dove i protagonisti sono diverse colorazioni, dal malva, al borgogna, al blu, fino al marrone e al giallo. Trasparenze e luccichi sono molto presenti nelle proposte serali dell’intera collezione per la primavera estate 2018.

Questo slideshow richiede JavaScript.