Rita Caridi

Cavalli reinventa l’animalier

Cavalli reinventa l’animalier

Just Cavalli ha presentato alla settimana della moda milanese la collezione donna per il prossimo autunno-inverno. La maison si distingue come sempre per i suoi fashion show: innovativi e coinvolgenti, allestiti in location inconsuete e molto affascinanti. Cavalli esce dal coro e per presentare gli abiti del marchio dedicato ai giovani sceglie un capannone industriale al di fuori del solito circuito in cui sfilano tutti gli altri stilisti. Una moquette leopardata ricopre il pavimento, mentre un fondale streetstyle contribuisce a dare la sensazione di trovarsi in un sobborgo newyorchese.

Anche in questa collezione il marchio resta fedele al suo stile, fatto di fantasie animalier, completi vistosi ed accessori ricercati. Le linee degli abiti si rinnovano seguendo l’ultimo trend della decostruzione, con cappotti e giacche dalle forme larghe e squadrate. Cavalli resta comunque legato al proprio ideale di donna sensuale ed elegante, riuscendo a creare un contrasto originale e molto femminile: i larghi cappotti sono infatti abbinati a pants ultra skinny e a minidress leggeri e trasparenti.

La collezione presentata in passerella è ricoperta da svariati tocchi maculati, e non solo. Cavalli riesce a rinnovare il suo stile attraverso un uso nuovo della stampa animalier, mescolandola a stampe più classiche come il pied-de-poule o il principe di galles, arrivando a creare un disegno affascinante. Su abiti e cappotti le fantasie si mescolano, la pelle nera si unisce al cavallino a stampa maculata, minidress leopardati sono esaltati da macro paillettes trasparenti.

I toni sono quelli del giallo dorato, del nero e del marrone scuro alternati, al black and white dei temi zebrati e del pied-de-poule. Il gioco della “mescolanza” creata da Cavalli per questa collezione riesce a modificare e rinnovare il solito utilizzo della stampa animalier, coinvolgendo non solo le stampe ma anche i materiali.

PARTNER MeteoWeb | CalcioWeb | Mitindo | SportFair | eSporters