Rita Caridi

Intramontabile pareo

È passato con disinvoltura dalle spiagge alle passerelle: il pareo – oggetto cult della moda mare – nasce infatti nelle paradisiache isole della Polinesia, ma è diventato ormai un capo indispensabile dell’outifit estivo di ogni donna.

Fra i suoi punti forti c’è senza dubbio la versatilità, che lo trasforma da semplice foulard a vero e proprio indumento a seconda di come lo si annoda, inoltre offre un valido aiuto a chi vuole mimetizzare i punti strategici del corpo per lasciarne in mostra altri. Il pareo strizza l’occhio alla moda appropriandosi delle tendenze del momento facendole sue.

Ecco qualche consiglio su come indossarlo!

Versione classica

Incrociate le estremità sulle spalle e annodale dietro al collo. Se il davanti risulta troppo ampio o – al contrario – “strozzato”, arrotolate le estremità su loro stesse, creando delle fasce più sottili simili a cordoni. Magari abbinateci una bella collana con pietre colorate e sarete favolose.

Monospalla

Ecco versione molto scenografica: l’abito con una sola spalla. Iniziate tenendo un’estremità di un maxi pareo sulla spalla sinistra, tirate il lembo destro sotto il braccio destro, passandolo dietro la schiena e poi sul davanti. Avvolgetevi e fermate con un nodo le due estremità sulla spalla sinistra. L’effetto fasciante e asimmetrico sarà davvero delizioso!

A tubino

Avvolgete il pareo intorno al corpo, afferrate le due estremità superiori e legatele con un bel nodo. Ora decidete: potete lasciare il fiocco con le ciocche sciolte oppure, se volete dar risalto e sostegno al seno, passatele dietro la schiena e annodatele. Avrete così creato una specie di reggiseno a fascia che trasforma il pareo in un particolare “tubino” senza spalline.

Panta-Gonna

Se volete mettere in risalto le gambe abbronzate, il pareo si può trasformare anche in gonna pantalone. Prendete il pareo per il lato più corto e posizionatelo sul davanti – all’altezza della vita – annodate le  due estremità dietro la schiena e fate passare il pareo tra le gambe, legando tra di loro le altre due estremità davanti. Questa versione vi starà benissimo se siete alte e longilinee.