Manuela Di Vietri

Orange Fiber: la start up che ricava i tessuti dalle arance

Orange Fiber: la start up che ricava i tessuti dalle arance

Dove tutti vedevano solo delle arance Adriana Santanocito ed Enrica Arena, le fondatrici della start up Orange Fiber hanno visto un grande potenziale nascosto

800x600 (14)

Noi crediamo che il lusso è salito a nuovi standard. La modernità deve guardare oltre lo stato e considerare il futuro, soprattutto, il futuro del nostro mondo. Siamo impegnati a portare le pratiche sostenibili per l’industria della moda, dando l’esempio per la riduzione dei rifiuti e riuso organici.”

Visitando il sito Orange Fiber si legge questo, una chiara manifestazione di intenzione che si può dire essere stata messa in pratica con il progetto portato avanti da Adriana Santanocito e Enrica Arena che continua a riscuotere grande successo e può essere annoverato tra le idee ecosostenibili più interessanti e potenzialmente di successo che intrecciano il mondo della moda con i temi della salvaguardia ambientale.

Nasce da questa visione che è andata oltre a ciò che tutti tendevano a vedere, solo arance e scarti del frutto, la start up Orange Fiber che attraverso gli scarti del frutto vitaminico produce tessuti sostenibili.  La start up in collaborazione con il Politecnico di Milano, ha sviluppato e brevettato in Italia e all’estero un nuovo processo che ha permesso di realizzare un tessuto utilizzando le oltre 700.000 tonnellate di scarti che l’industria agrumicola produce annualmente in Italia e che fino ad ora si usava smaltire. 

I primi tessuti realizzati sono stati un raso bianco e un pizzo nero e bianco ottenuti tessendo Orange Fiber con della seta comasca e sono stati presentati nel settembre 2014 durante la Vogue Fashion Night Out. A distanza di diversi anni ormai, oggi l’azienda ha due sedi, una a Catania e l’altra in Trentino e 5 soci oltre ad Adriana Santanocito ed Enrica Arena, le due fondatrici che entro i primi mesi del 2017 presenteranno la prima collezione di abbigliamento creata con l’utilizzo dei loro innovativi tessuti da un importante brand di moda.

E pensare che tutto è nato dal primo impianto pilota per l’estrazione di cellulosa dagli agrumi a Caltagirone (CT) inaugurato dalle due fondatrici della start up. L’ennesima prova di come credere veramente in un progetto che fa del bene spesso possa ripagare.