Redazione

E’ morta Carla Fendi, ambasciatrice della maison e mecenate

  • LaPresse/Mario Cartelli

    LaPresse/Mario Cartelli

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • Lapresse/VIRGINIA FARNETI

    Lapresse/VIRGINIA FARNETI

  • LaPresse/Vincenzo Livieri

    LaPresse/Vincenzo Livieri

/

La stilista Carla Fendi, già malata da tempo, è morta ieri sera a Roma

LaPresse/Vincenzo Livieri

La stilista ambasciatrice del noto brand e mecenate, malata già da tempo, è morta nella capitale durante la serata di ieri.  Carla Fendi aveva 80 anni, ed era la quarta delle cinque sorelle ad aver ereditato la nota casa di moda fondata nel 1925 da Edoardo Fendi e Adele Casagrande, artigiani pellicciai di Roma. Nel 2007 la stilista, presidente onorario del Gruppo Fendi, aveva creato la Fondazione Carla Fendi che opera con azioni di mecenatismo allo scopo di supportare le arti, l’artigianato e il sociale.

Un’altra artefice del successo della moda italiana nel mondo ci lascia, come è successo di recente con la scomparsa di un’altra pioniera della moda come Laura Biagiotti.

Il ministro della cultura Dario Franceschini la ricorda come “una donna colta e sensibile che ha fatto del mecenatismo una cifra della sua vita”. E, infatti, la fondazione Carla Fendi pone come proprio scopo “dare un contributo personale di puro mecenatismo per preservare beni e valori culturali del passato e per garantirne la continuità e la crescita nel futuro muovendosi nel campo dell’arte, della letteratura, del cinema, della moda, dell’ambiente e del sociale”, come si legge sul sito della Fondazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.