Rita Caridi

D&G: la famiglia al centro di tutto [FOTO]

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

/

Il tema principale della nuova collezione di Dolce & Gabbana è la famiglia. Ed è proprio ad essa che si è ispirata la loro sfilata a Milano Moda Uomo

LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

LaPresse/Gian Mattia D’Alberto

Dolce & Gabbana hanno voluto dedicare la loro sfilata alla famiglia. Lo si era capito già dall’invito con la scritta ‘I love family’ racchiusa in un cuore rosso e le foto in bianco e nero degli stilisti da piccoli con i loro parenti. Il tema da sempre interessa Dolce e Gabbana, che nel 2013 hanno lanciato online il progetto ‘DG family’, invitando i loro follower a inviare i loro ritratti di famiglia, che sono stati tutti caricati sul sito del marchio.
E sono proprio le foto di gruppo, con nonni e nipoti, genitori e figli, stampate su bluse di seta, il tema dominante della collezione: ci sono immagini retrò e scatti di oggi, sempre in bianco e nero, “perché la famiglia – spiegano – è qualcosa che c’era ieri, c’è oggi e ci sarà anche domani“, ma anche rivisitazioni naif in pelle e tessuto che ricordano disegni o collage fatti da un bambino. E poi c’è la famiglia per eccellenza, la Sacra famiglia, riprodotta su felpe e T-shirt e incorniciata da bordi di passamaneria dorata. E c’è il simbolo che, secondo i due, meglio rappresenta il concetto di famiglia: la corona, ricamata in oro sui completi neri dal taglio asciutto, applicata sulle felpe, stampata sulle polo “perché quando incoroni una famiglia è per sempre, che sia ricca o povera poco importa, è comunque il tuo orgoglio“.
Ci sono poi bomber leggerissimi con delle piccole corna contro il malocchio e immaginette portafortuna abbinati a scarpe di pelliccia, in astrakan o agnellino, giacche damascate, cappotti e giubbini di pelliccia in rosso o verde portati con i pantaloni in jersey stretti e gli stivali di gomma come quelli che si usano in campagna. E poi pigiama a piccole fantasie che diventano completi da sera, portati con il soprabito vestaglia. In testa coppole damascate, sulle spalle zaini con scritte come ‘Sicilia’ o ‘Amore’, in mente sempre la famiglia, perché “la cosa più semplice è l’amore, più stai sul social network più hai bisogno della famiglia, più vai avanti – dicono convinti i due – più hai bisogno di radici, di sapere chi sei e da dove vieni