Redazione

I giovani a 19 anni sono sedentari come a 60, ecco quanto rivelato da una ricerca

‘Fedeli’ a smartphone e divano, i bambini e gli adolescenti sono persino più sedentari di quanto si sospettava, e solo dopo i 20 anni si registra un aumento dell’attività fisica, un caso unico nell’arco della vita

Ma forse a stupire di più è il fatto che a 19 anni i giovanissimi fanno praticamente la stessa attività fisica di un sessantenne, un livello giudicato “basso in modo allarmante”. E’ quanto emerge da un maxi-studio Usa su 12.529 soggetti dai 6 agli 84 anni, condotto dai ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e pubblicato su ‘Preventive Medicine’.
I ricercatori hanno utilizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey, in cui ai partecipanti erano stati fatti indossare, per sette giorni, dei device per misurare l’attività fisica totalizzata (i dispositivi venivano rimossi solo durante il sonno e il bagno). I soggetti sono stati divisi in cinque gruppi: bambini (6-11 anni), adolescenti (12-19), giovani adulti (20-29), adulti (31-59), anziani (60-84 anni). Quello dei giovani adulti è stato l’unico gruppo che ha visto un aumento dei livelli di attività fisica, specialmente nella prima mattina, rispetto agli adolescenti.
Per tutti i gruppi i maschi totalizzavano, in generale, livelli di attività fisica più elevati rispetto alle femmine, in particolare di quella ad alta intensità, ma dopo la mezza età questi livelli sono scesi nettamente (sempre rispetto alle femmine). Tra gli over 60, infine, gli uomini erano più sedentari e facevano meno attività fisica ad alta intensità rispetto alle coetanee. “I livelli di attività fisica alla fine dell’adolescenza sono bassi in modo allarmante – conclude Vadim Zipunnikov, del Dipartimento di Biostatistica dell’ateneo – e a 19 anni sono comparabili a quelli dei sessantenni”.

AdnKronos