Rita Caridi

Azioni Nike: Analisi della struttura del capitale

Azioni Nike: Analisi della struttura del capitale

Nike è uno dei maggiori produttori di abbigliamento e calzature al mondo

A partire dall’aprile del 2016, la società ha fatto registrare un fatturato negativo di 12 mesi per 31,9 miliardi di dollari ed una capitalizzazione di mercato di 100 miliardi di dollari. La struttura del capitale della Nike, presenta un capitale azionario elevato rispetto al debito, con un rapporto debito/capitale pari a 0,14, sebbene questa cifra, nei 12 mesi che sono terminati a febbraio 2016, sia aumentata, a seguito dell’emissione di un prestito da un miliardo di dollari. Il valore aziendale è cresciuto rapidamente nei tre anni precedenti all’aprile del 2016, trainato quasi interamente dall’apprezzamento del valore di mercato delle sue azioni – Azioni Nike

Il capitale dell’azienda

Il capitale azionario, è una misura del capitale conferito da azionisti e utili non distribuiti, pertanto il valore può includere:

  • azioni ordinarie al valore nominale
  • azioni privilegiate
  • interessi di minoranza

Nel febbraio del 2016, Nike aveva un capitale azionario totale di 12,3 miliardi, comprensivo di 7,5 miliardi di capitale aggiuntivo versato, 4,1 miliardi di utili non distribuiti e 645 milioni di reddito complessivo accumulato – ecco i grafici.

Il capitale azionario della Nike, nel febbraio del 2016, ammontava a 12,3 miliardi, superiore ai 10,8 miliardi dell’anno fiscale terminato a maggio del 2015, ma leggermente inferiore ai 12,7 miliardi nel maggio del 2015. Nike ha mantenuto utili per 4,9 miliardi nell’anno fiscale del 2014 e 4,7 miliardi nel 2015, contribuendo al modesto calo del capitale azionario all’inizio del 2016.

Durante i primi tre trimestri dell’anno fiscale 2016, i flussi di cassa della Nike sono stati pari a 752 milioni sui dividendi e 2,7 miliardi sul riacquisto di azioni ordinarie, per cui, i riacquisti hanno contribuito in misura maggiore alla riduzione degli utili non distribuiti. Le entrate complessive accumulate sono diminuite nell’anno fiscale 2016, spingendo ulteriormente i capitali azionari. Il capitale aggiuntivo versato è salito da 5,9 miliardi nell’anno fiscale 2014 a 6,8 miliardi nell’anno fiscale 2015, compensando parzialmente gli effetti delle variazioni del reddito complessivo accumulato e degli utili non distribuiti.

Capitale di debito

Il capitale di debito, include generalmente tutti i debiti a breve e lungo termine, come:

  • obbligazioni
  • prestiti a termine
  • titoli non garantiti

Il finanziamento del debito è generalmente di prim’ordine in termini di finanziamento azionario in caso di liquidazione, anche se è spesso acquisito a un costo inferiore da imprese con sufficiente solvibilità. A febbraio 2016, il debito totale di Nike era di 2 miliardi di dollari, composto da soli 7 milioni di debito a breve termine, 66 milioni per prestiti a termine e 1,99 miliardi in obbligazioni e banconote. Tuttavia, l’aumento del debito è stato guidato principalmente da un’emissione obbligazionaria da 1 miliardo di dollari, avvenuta nell’ottobre 2015.

Leva finanziaria

La leva finanziaria misura l’importo a cui la struttura del capitale di una società, utilizza il finanziamento del debito relativo al finanziamento azionario. Il rapporto tra debito e capitale, è una metrica utile quando si monitorano gli andamenti della leva finanziaria nel tempo o quando si confrontano le imprese. A febbraio 2016, il rapporto tra debito e capitale di Nike era pari a 0,14, in rialzo rispetto allo 0,09 alla fine dell’anno fiscale 2015 e a 0,11 nell’anno fiscale 2014. Si tratta di un indebitamento finanziario relativamente basso per un’azienda della maturità e delle dimensioni di Nike.

Valore dell’impresa

Il valore dell’impresa, misura il valore totale di un’impresa in base ai valori di mercato delle azioni ordinarie, delle azioni privilegiate, del debito e degli interessi di minoranza, meno liquidità e investimenti. A febbraio 2016, il valore dell’impresa Nike è stato di 97,3 miliardi, in calo rispetto al massimo record di 110 miliardi del dicembre 2015. I forti risultati finanziari, un mercato azionario statunitense in crescita e l’indebitamento al rialzo, hanno fatto aumentare drasticamente il valore dell’impresa nel corso dei tre anni che sono terminati nel 2015. Nel gennaio del 2013, il valore dell’impresa era di 43 miliardi, quindi il tasso di crescita del 36,8% in quell’arco di tre anni.

Fonte: tutti i dati finanziati presenti in questo articolo, sono stati recuperati dal sito: Stock Analysis On Net

PARTNER MeteoWeb | CalcioWeb | Mitindo | SportFair | eSporters