Manuela Di Vietri

Salute: terme, forest therapy e cibo km zero per benessere psicofisico

Salute: terme, forest therapy e cibo km zero per benessere psicofisico

Cure termali, percorsi e passeggiate nella ‘foresta’, sui principi della Forest therapy di origine giapponese. Il tutto in un clima ‘certificato’ e cibo a km zero

Sono gli ingredienti della ‘ricetta perfetta’ per il benessere psicofisico a cui si sta lavorando alle terme di Bagno di Romagna, dove è appena partita una ricerca mirata. L’obiettivo è mettere a punto un protocollo che permetta di proporre un percorso su misura per tutte le persone, con esigenze e patologie differenti, che fanno le cure termali, indicando con precisione le ‘dosi’ ideali di movimento e il tipo di attività in un clima con particolari e benefiche caratteristiche.
Elias Ceccarelli, presiedente della società Tre terme che si occupa della promozione dei centri termali di Bagno di Romagna, spiega il progetto all’AdnKronos Salute, a margine del congresso Femtec (World Federation of Hydrotherapy and Climatotherapy), aperto per la sua edizione celebrativa degli 80 anni di attività, a Lacco Ameno, Ischia.
“Per questo progetto – riferisce – stiamo fondando un Centro europeo di bioclimatologia collinare di foresta. Questo centro dovrà indicare come coniugare le cure termali con una serie di attività fatte in ambiente outdoor. La scelta di Bagno di Romagna nasce dal fatto che in questa zona ci sono diversi tipi di terme in grado di proporre diverse cure. E c’è un parco nazionale che ha una qualità dell’aria e un clima certificati, essendo già una stazione climatica”. 
Gli esperti stanno lavorando, aggiunge Ceccarelli, a “un protocollo medico controllato da un presidio ospedaliero, quello di Cesena probabilmente. Questo protocollo, una volta testato, dovrà dimostrare che, per le patologie che si prenderanno in considerazione, sono particolarmente efficaci sul piano fisico e psicologico cure termali accompagnate da specifiche attività esterne, come ad esempio un percorso a una certa quota, con un certo dislivello, di una certa lunghezza in un ambiente con precise qualità dell’aria”. 
“L’attività, in pratica, sarà ‘pesata’ – conclude il presidente di Tre terme – Il tutto sarà legato a una dieta mirata con prodotti a km zero. Si tratterà di percorsi con durate di 10 -12 giorni”.

AdnKronos