Valentina Ferrandello

Quante “bizzarrie” in passerella alla London Fashion Week 2015 [GALLERY]

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

  • La Presse/Reuters

    La Presse/Reuters

/

Le creazioni della Central Saint Martins presentate alla Fashion Week di Londra 2015 sempre più accattivanti e stravaganti: abiti- scultura che richiamano all’ assoluta sintesi fra disegno grafico, arte astratta e moda

La Presse/Reuters

La Presse/Reuters

La London Fashion Week 2015 è iniziata da appena due giorni, ed i più importanti marchi e brands dell’abbigliamento-donna hanno iniziato la presentazione delle loro collezioni autunno inverno 2015. Fra abiti meravigliosi, eclettici, sensuali, glamour e di nuova tendenza c’è stata anche la sfilata della Central Saint Martins, la scuola di moda e d’arte più famosa d’Inghilterra. E le bizzarrie viste in passerella non si sono fatte attendere. Le modelle indossavano non abiti, ma vere  e proprie creazioni di design ed opere d’arte tridimensionali. Diversità di materiali dalle forme astratte, a metà fra abito e scultura  le modelle camminavano disinvolte sulle passerelle come se indossassero gli abiti più eleganti mai visti prima, sebbene invece, indossassero delle informi costruzioni tridimensionali. Ma l’arte, si sa, non ha limiti nè parametri da seguire ed ai quali sottostare. La scuola d’arte Central Saint Martins non ha deluso dunque le aspettative neanche quest’anno.

CentralStMartinsLa scuola nasce dalla fusione di due importanti istituti di moda ed arte: la Central School of Art and Design, fondata nel lontano 1896 e la Saint Martins School of Art, fondata nel 1854. Insieme hanno data vita ad una delle scuole d’arte e moda più rinomate d’Europa: fra disegno grafico, industriale e teatrale che si fonde allo studio dell’arte e della moda, tutto con un approccio moderno e contemporaneo, basato sul principio della massima espressione di se stessi senza freni, senza schemi, senza dogmi, senza regole.

Quest’anno in passerella  a Londra, hanno sfilato particolari costruzioni multimateriali , simile a cappelli giganti che inghiottivano il corpo delle modelle. Vestiti-sculture che nella loro astrattività richiamavano l’immagine di un cactus o di una pianta grassa, che con i suoi rami avvolgeva il corpo delle modelle.  Ma questa non è stata l’unica stranezza avvistata alla sfilata della Central Saint Martins. Nella gallery sottostante sono state scelte le creazioni più particolari presentate dall’Istituto d’Arte londinese.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

PARTNER MeteoWeb | CalcioWeb | Mitindo | SportFair | eSporters