Rita Caridi

Crisi per Barbie: calate le vendite del 21%

Crisi per Barbie: calate le vendite del 21%

tumblr-l2mx787hI51qami65o1-500Mattel si ritrova per l’ennesima volta a fare i conti con giocattoli come la Barbie che non vanno più di moda. La prova è arrivata oggi con le dimissioni repentine del suo amministratore delegato e presidente, Bryan G. Stockton, e con la diffusione di conti preliminari del quarto trimestre e dell’intero anno 2014 decisamente peggiori delle stime. Stockton, da tre anni al vertice di Mattel, ha lasciato anche il consiglio di amministrazione. Christopher A. Sinclair, membro del cda dal 1996 e dal 2011 membro indipendente, è stato nominato con effetto immediato presidente e a.d. ad interim. Non c’è alcun riferimento ai motivi dell’uscita di Stockton, che viene semplicemente ringraziato “per i suoi contributi nel corso degli ultimi 15 anni” ma non è un mistero che marchi come Barbie e Fisher-Price stiano andando male. Nel terzo trimestre le vendite della bambola che ha fatto giocare per 55 anni milioni di bambine sono crollate del 21% contribuendo a un calo dei profitti del 22% e dei ricavi dell’8%. In attesa della pubblicazione dei conti di venerdì alle 12 italiane, il titolo Mattel cede il 4,71% ma nel pre-mercato era arrivato a un -11%. E’ la reazione alle attese del gruppo: Mattel stima utili per azione trimestrali da 44 centesimi inclusi oneri da 8 centesimi, decisamente sotto il consensus da 88 centesimi. I ricavi trimestrali sono visti in calo del 6% a 1,99 miliardi di dollari contro i calcoli degli analisti per 2,14 miliardi. Il gruppo ha annunciato un dividendo nel primo trimestre da 38 centesimi di dollaro per azione.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

PARTNER MeteoWeb | CalcioWeb | Mitindo | SportFair | eSporters