Caterina Marino

Parcae dedica i foulard a Matilda di Canossa

Parcae dedica i foulard a Matilda di Canossa

Il giovane brand profonde il suo concept di moda basato sul binomio cultura e fashion tipica del Made in Italy

LE_CITTA_DI_MATILDE-Copia.jpg_1379307876E’ dedicata a Matilde di Canossa, nel 900esimo anniversario della morte, la collezione di foulard realizzata dal giovane brand di moda, Parcae. L’omaggio porta la firma di tre creativi fiorentini e sarà presentata al White show dal 28 febbraio al 2 marzo a Milano. Le sete di Matilde saranno protagoniste anche di una mostra inserita nel calendario dei festeggiamenti matildiani e in programma a metà aprile, nel monastero di San Benedetto Polirone. Il progetto Matilde è nato e si è sviluppato a cavallo dell’Appennino, tra Firenze e Concordia sulla Secchia. A firmare la collezione di sete il fiorentino Iacopo Cassigoli, pittore e storico dell’arte, Nour Daher, laureanda in Architettura all’università di Firenze e suo fratello Ahmad Daher già modellista per Emilio Pucci, e  Jean-Paul Gaultier  che attualmente lavora per Rick Owens. I tre hanno pensato una collezione nel segno della moda e della cultura, come da sempre è negli obiettivi del brand italiano. Il personaggio della gran contessa di Toscana, passata alla storia per il ruolo chiave nell’umiliazione di Canossa con l’imperatore Enrico IV costretto ad attendere in mezzo alla neve il perdono del papa Gregorio VII, ha ispirato Ahmad e Nour Daher e Iacopo Cassigoli. I tre creativi che si sono dati il nome delle mitiche tessitrici dell’antichità hanno scelto immagini da sempre attribuite alla sovrana per i disegni della collezione: dal serpente sapienziale ai simboli della temperanza, dalla spada fasciata alla Parcea-foulard-cinque-attualità1-619x376melagrana. Non mancano frammenti architettonici e spunti pittorici legati ai castelli di Matilde e alle città della Marca Canossana tra cui spiccano Pistoia e Lucca. Ci sono perfino lontani echi di leggende e storie legate alla sovrana e che ispirarono perfino il papà di Pinocchio, Carlo Collodi nella fiaba ”La bella dai capelli d’oro”, raccontata per immagini nel foulard ”L’anello di Orval” dove troviamo il pesce restituire a Matilde l’anello nuziale smarrito. La collezione autunno-inverno 2015 propone nuovi tessuti per esaltare disegni e colori. Al raso e allo chiffon che da sempre sono il biglietto da visita di Parcae e portano avanti la tradizione serica comasca, si aggiungono la garza di lana, l’abbinamento lana vergine-mohair e perfino il prezioso binomio cashmere-seta. Cambiano i materiali ma la lavorazione rimane autenticamente italiana e soprattutto artigianale. Il marchio è prodotto e distribuito da Olmar&Mirta spa. Restano archangelus.jpg_1171891105invariate le dimensioni, da sempre ampie. La grandezza dei foulard permette di indossarli come sciarpe e, vista la maggiore consistenza dei tessuti, addirittura come cappe. Una maggiore versatilità che va incontro anche alla volontà di rivolgersi non solo al mercato europeo ma anche al vicino Medio Oriente. Da qui la decisione di adottare le misure standard dei foulard islamici. La collezione autunno-inverno 2015, dopo il salone milanese, sarà protagonista di una grande mostra d’arte in primavera, al monastero di San Benedetto in Polirone a San Benedetto Po dove Matilde volle essere sepolta. Il suo corpo rimase qui fino al 1632, anno in cui le sue spoglie furono traslate in San Pietro a Roma, dove sono conservate in uno splendido sepolcro realizzato da Gian Lorenzo Bernini.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

PARTNER MeteoWeb | CalcioWeb | Mitindo | SportFair | eSporters