Natale: secondo le previsioni gli acquirenti in Italia spenderanno più di 1,9 milioni di euro per i regali personalizzati

Stephen Davis, EMEA Marketing Director presso Roland DG UK:  “Stiamo vivendo momenti difficili. Tuttavia, i consumatori italiani non vogliono permettere alla pandemia di limitare la loro voglia di regali personalizzati. Il desiderio di prendersi cura l’uno dell’altro in un momento così difficile può essere un fattore decisivo nel grande incremento di spese previsto nel periodo delle festività”

Il mercato italiano dei regali personalizzati toccherà i 2,4 milioni di euro nei prossimi 12 mesi. Questo é quanto emerge da uno studio europeo che ha coinvolto più di 5.000 acquirenti di Roland DG e condotto da Censuswide

Lo studio ha anche rivelato che nel periodo natalizio in Italia si spenderanno più di 1,9 milioni di euro per i regali personalizzati. Secondo le previsioni, gli acquirenti di oggetti personalizzati sono disposti a pagare più di 77 euro per ciascun regalo personalizzato per i propri cari.

In base ai dati raccolti, l’acquirente italiano medio è pronto a spendere un 11% in più per i regali che hanno un elemento di personalizzazione, come l’aggiunta di un nome, un messaggio oppure un’immagine personale. Tra le categorie più amate nell’acquisto anticipato di regali personalizzati si annoverano accessori e gioielli (41%), vestiti e abbigliamento per neonati (31 %) e libri (30%).

La maggiore forza trainante nell’acquisto di regali personalizzati consiste nella loro unicità e nel fatto che non sono realizzati in serie (scelta dal 39% dei partecipanti allo studio). Inoltre, un regalo personalizzato è anche indice dell’impegno riposto nella scelta del regalo per il proprio caro (scelta dal 27% dei partecipanti).

Il 30% dei partecipanti al sondaggio acquisterà con maggiore probabilità regali personalizzati presso le aziende locali. Dopo le aziende locali, il 16% dei partecipanti al sondaggio opterebbe per i negozi in centro che realizzano regali personalizzati.

Stephen Davis, EMEA Marketing Director presso Roland DG UK, ha affermato: “Stiamo vivendo momenti difficili. Tuttavia, i consumatori italiani non vogliono permettere alla pandemia di limitare la loro voglia di regali personalizzati. Il desiderio di prendersi cura l’uno dell’altro in un momento così difficile può essere un fattore decisivo nel grande incremento di spese previsto nel periodo delle festività. Ma non bisogna commettere un errore: il mercato della personalizzazione è ampio ed è destinato a crescere se procurarsi regali con un tocco personale diventerà più semplice e veloce. Rappresenta una buona fonte di ricavi per produttori e rivenditori”.

Metodologia del sondaggio – Il sondaggio online ha coinvolto 5.014 consumatori con un’età uguale o superiore ai 18 anni nei seguenti mercati: UK (1.000 partecipanti), Spagna (1.002), Italia (1.002), Germania (1.008) e Francia (1.002). Sondaggio condotto da Censuswide, 18 – 23 Novembre 2020. Tutte le statistiche si basano sui 1.002 partecipanti in Italia. Tutte le estrapolazioni si basano su campione di popolazione di 50.854.792 con un’età uguale o superiore ai 18 anni fornito dalle Nazioni Unite, Dipartimento per gli affari economici e sociali, Divisione demografica. Prospettive della popolazione mondiale: revisione 2019 delle stime sulla popolazione.