Valentina Ferrandello

Anoressia: “mi dicevano sei un morto che cammina”, la testimonianza di una 19enne che ce l’ha fatta [GALLERY]

/

anoressia 3Le immagini di Beth Cowan lasciano a dir poco di stucco. Ma, al contrario di ciò che si pensi, non stupiscono perchè sono le foto di una bella ragazza 19enne, con la passione per la moda e che sogna di calcare le passerelle più  importanti del mondo. Scioccano, perchè sono foto che ritraggono Beth durante gli anni della sua malattia: l’anoressia. Beth ha deciso coraggiosamente di aprire le porte al mondo ed al pubblico dei social e del web per mostrarsi con la sua fragilità e per mostrare a tutti il suo nemico più grande, che ha lasciato i segni, ancora ben evidenti, sul suo bellissimo e giovane corpo. Beth ha deciso di rilasciare diverse interviste e postare le foto che oggi stanno circolando sul web, proprio perchè vuole essere d’esempio per tutte le giovanissime che si trovano oggi nella condizione in cui era rinchiusa lei fino a pochi anni fa: il tunnel dell’anoressia. Oggi si parla fin troppo di questa malattia, quasi enfatizzandola a tal punto che pare inesistente: chiunque legga di casi di anoressia gli sembra incredibile che una persona possa rinunciare al cibo, tutto il cibo, ed ancora oggi si fa fatica  a pensare a come si possa ridursi in quello stato, quando le ossa sono completamente visibili quasi a sembrare un morto che cammina. C’è ancora tanta incredulità su questa patologia, che solo chi la vive in prima persona o chi ha avuto una persona cara che ha sofferto di tale disturbo può comprendere. Ed allora, ecco che diventa fondamentale la testimonianza di chi ce l’ha fatta e che lentamente sta riuscendo a risalire il tunnel oscuro nel quale è inciampata cadendovi in profondità: ecco l’utilità della testimonianza di Beth. Non è un semplice volersi mettere in mostra, o essere compatita. Ma molto di più. Le foto di Beth urlano, e dicono “io ce l’ho fatta, guarda com’ero ridotta! anche tu puoi farcela!”.

Beth-CowanEra arrivata a mangiare solo una mela al giorno, riducendosi a pesare a soli 40 kg. Oggi, a 19 anni, Beth si sta lentamente riprendendo. Adesso pesa solo 50 kg, ma la sua ascesa verso la guarigione, seppur ancora difficile, è continua e costante: la stessa, ha deciso di partecipare ad un concorso di bellezza, durante il quale ha lanciato il suo messaggio dichiarando che nessuna ragazza deve commettere il suo stesso tragico errore. I giornali inglesi hanno fatto a gara per chi pubblicasse la sua storia il prima possibile, pubblicando alcune delle foto di Beth negli anni peggiori della sua vita, quando la malattia era al culmine. Beth ha dichiarato al concorso inglese Miss British Empire 2015,  “Voglio che le altre ragazze sappiano che l’anoressia si può combattere, che c’è un modo per uscirne. Avevo 16 quando mi sono ammalata, non so come sia successo. Mangiavo una mela al giorno e passavo tutto il tempo sul tapis roulant. Le persone in quel periodo mi dicevano che sembrava che stessi morendo“, ammettendo dunque che la sua discesa verso il baratro è stata lenta e quasi inconsapevole, come se non si ricordasse più il giorno in cui ha cominciato o meglio come ad un certo punto sia finita a mangiare solo una mela al giorno. Oggi Beth sta continuando a curarsi perchè “l’anoressia non è una cosa che passa dal giorno alla notte. Ma si può controllare. Io non sarei qui se non avessi scelto di combattere. Non arrendetevi”, e con queste dichiarazioni dunque ha voluto dire a tutti che non è stanca di lottare.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...

PARTNER MeteoWeb | CalcioWeb | Mitindo | SportFair | eSporters